SUL FILO DELLA MEMORIA

Un gomitolo rosso che si srotola durante la rappresentazione e unisce artisti e spettatori: è il filo della memoria che viene consegnato al pubblico, a cui è affidato il compito di non dimenticare e di tramandare alle nuove generazioni la conoscenza degli orrori della Shoah.

Si è svolto sabato 27 gennaio, presso l’Antico Teatro degli Ex Poveri Vecchi di Corso Unione Sovietica 220/D a Torino lo spettacolo “La musica della memoria”, liberamente tratto dal libro per bambini “Storia di Vera” di Gabriele Clima.

L’arpista Veronica Lo Surdo e l’attore Enrico Faletti, che insieme compongono il gruppo Aine Duo, accompagnati dalla ballerina Manuela Pavan hanno messo in scena, con grande empatia e sensibilità, una delle pagine più terribili della storia dell’umanità attraverso il racconto di Vera, una bambina deportata in un campo di concentramento insieme alla mamma e alle sorelle.

Una storia delicata e commovente in cui non prevalgono l’odio e il rancore, ma la bontà d’animo e lo spirito di condivisione che danno a Vera la forza per sopravvivere, senza perdere mai la fiducia.

In sala era presente l’autore e illustratore del libro, che in quell’occasione ne ha donato una copia autografata alla Biblioteca di Ula & Op: la sua fiaba, ispirata a una storia vera, arricchirà il nostro catalogo offrendo un valido aiuto ai genitori per parlare con i loro figli di tematiche così impegnative.

SUL FILO DELLA MEMORIA

Galleria immagini

Soci fondatori

logo FCRT CMYK pos

Questo sito web utilizza i cookie Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Direttiva comunitaria